Il seme della mandragora

L'arte è necessaria al progresso morale dell'umanità. Chi la distrugge è equiparabile a chi non rispetta i diritti umani né la vita. Se non esistessero il bene e il male, il mondo sarebbe un Giardino dei Giusti. Sarebbe colpevole fare arte e divulgare messaggi senza essere consapevoli di questo scontro che è quotidiano e cosmico. Un'opera illuminata è soggetta a leggi universali. Se chi ha parte nella sua creazione è degno (delle Muse? di Dio?), allora l'opera germoglierà dal seme dell'idea e darà il fiore e poi il frutto del genio. Nel caso contrario, gli artefici incontreranno ostacoli insormontabili e il loro parto sarà un aborto. Ho una visione metafisica, forse kabalistica, del lavoro dell'artista. Perché creatività fa (deve fare) rima con "mitzvah"! La vita deve essere rispettata senza eccezioni, ma l'arte solo finché emani un po' di luce. Se si spegne, deve essere (pietosamente) sepolta nella terra, affinché, macerando, possa dare origine al "seme della mandragora". A.B.

L'Olocausto iniziò all'improvviso

di Tamara Deuel

La persecuzione: tutto iniziò all’improvviso. Un giorno ci trasferirono nel ghetto di Kovno, la mia città natale in Lituania, e noi cercammo di fuggire in Russia, ma i tedeschi furono velocissimi, non so come fecero, forse volarono! Ci costrinsero a tornare indietro, non a Kovno ma a Vilna.

 

CONTINUA NELLA SEZIONE ARTE & CULTURA

Il Re Mathias I

Amo Janusz Korczak per le sue opere pedagogiche, ma soprattutto mi piacciono molto i suoi libri per bambini. Ho letto Il Re Mathias I da una versione francese e mi ha molto colpito, come Yotham il mago che è una sorta di Harry Potter ante litteram (se non sbaglio la traduzione ebraica l'ha fatta Orlev). Del Re Mathias I mi piace molto questa parte:

CONTINUA NELLA SEZIONE ARTE & CULTURA

Biennale di Venezia 2006: con Mushishi, Katsushiro Otomo passa dall'animazione al cinema tradizionale

Katsushiro Otomo è noto in tutto il mondo per i suoi film di animazione (anime), da Akira a Steamboy . Dopo aver sondato le possibilità del cartoon , ha deciso di passare alla regia di un film di "immagini reali" e la sua opera Mushishi , tratta dal fumetto (manga) di Yuki Urushibara , è in concorso a Venezia. Protagonista dell'opera è Jô Odagiri , interpretato dalla star della televisione nipponica Azumi Shinobi e da Makiko Esumi . Mushishi è una vicenda fantastica che si svolge in un mondo abitato dai mushi , particolari insetti invisibili agli occhi umani.

   

Premio Cartagine ad Angelica e Yehuda Calò Livné

Il 26 agosto 2006 l'Accademia Internazionale Cartagine ha consegnato - dopo la valutazione del senato accademico - il Premio Internazionale Cartagine 2006 ad Angelica e Yehuda Calò Livné. Il riconoscimento è stato attribuito alla drammaturga israeliana a suo marito per i loro meriti professionali in qualità di “Educatori alla Pace attraverso le Arti, avendo ideato, fondato e - attualmente - dirigendo la Fondazione Beresheet Lashalom che opera nel nord della Galilea al confine con il Libano, attraverso la realizzazione di iniziative e progetti multiculturali rivolti ai bambini".

CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI

Il significato della morte

dal romanzo "Alle porte di Tangeri" di Moshe Benarroch
trad. Laura Todisco

Perché, qui, io cerco il significato della mia morte… come
se la morte avesse un significato! Ricordo il soldato arabo che era
in quell'edificio di fronte a noi; gli intimammo di arrendersi e
ogni volta che gli chiedevamo la resa, lui piangeva, citava un versetto
del corano e ci sparava.


CONTINUA NELLA SEZIONE ARTE & CULTURA

I tuoi occhi (a Liliana Segre)

I tuoi occhi hanno visto l’uomo.
I tuoi occhi hanno visto l’uomo.
I tuoi occhi hanno visto l’uomo.

CONTINUA NELLA SEZIONE ANTOLOGIA DIGITALE

Paolo Buconi e la Vladah Klezmer Band a Bolzano

di Roberto Malini

La musica di Paolo Buconi ci trasporta con anima nella musica ebraica, nella cultura yiddish . Il suo gruppo musicale si chiama Vladah Klezmer Band; Klezmer è un termine che nasce dalle parole yiddish kley e zemer e significa "strumento del canto" e l'arte di Paolo è proprio quella di restituire al mondo attraverso gli strumenti musicali il canto di un popolo che - annientato dall'Olocausto - rinasce in un mondo nuovo e leva ancora una voce di memoria.

CONTINUA NELLA SEZIONE ARTE & CULTURA

Il messaggio di Anne Frank
a passo di danza

Il dramma in teatro danza Anne in the Sky è stato accolto con calore e ammirazione dal pubblico e dalla critica israeliani, dopo la recente rappresentazione al teatro Tzavta di Tel Aviv, nell'àmbito del 4° Festival annuale per la Cultura della Pace. La compagnia dei ragazzi dell'Arcobaleno è ormai una realtà di successo del teatro israeliano; le loro performance individuali e di gruppo sono sempre più mature e convincenti, tanto che un importante network si interessa allo spettacolo dedicato alla vita di Anna Frank.


CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI

Nuova acquisizione della collezione
"Il mondo di Anne Frank"

La collezione di libri, documenti e memorie "Il mondo di Anne Frank", costruita con passione e devozione dalla 263 Films e dall'associazione culturale Watching The Sky si arricchisce di un nuovo pezzo, quantomai raro e prezioso: una fotografia risalente agli anni '30 che mostra l'interno della splendida Sinagoga Sefardita di Amsterdam.


CONTINUA NELLA SEZIONE ARTE & CULTURA

Le poesie di Leopardi ragazzo resteranno nelle Marche?

dal portale go.marche.it

La casa d'aste Christie's è stata incaricata di mettere in vendita il prossimo 15 giugno due componimenti giovanili inediti del poeta recanatese.

Recanati, 31 maggio 2006 - È un Giacomo Leopardi inconsueto quello che si legge nei due componimenti recentemente portati alla luce, e che risalgono al 1810, quando il poeta aveva appena dodici anni e stava per approcciarsi alla poesia nel modo in cui tutto il mondo lo conosce.

CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI

Christie's di Roma vende due poesie manoscritte di Giacomo Leopardi

La casa d'aste Christie's di Roma mette in vendita il 15 giugno 2006 due poesie manoscritte (una delle quali firmata) di Giacomo Leopardi (1798-1837). Il poeta di Recanati scrisse le liriche all'età di 12 anni, una per la nonna, Virginia Mosca, l'altra per il precettore don Sebastiano Sanchini. I manoscritti saranno battuti con una stima fra 20 e 22 mila euro e provengono da una collezione privata veneziana.

 

CONTINUA NELLA SEZIONE ANTOLOGIA DIGITALE

Binario 21 e Quando Bartolomeo sorride al Festival del documentario civile

Dal 22 al 26 settembre 2006 si terrà a Cortona, presso il Teatro Signorelli e il Palazzo La Moderna, la prima edizione del Festival del documentario civile.   Si tratta di una mostra di documentari internazionali inediti di impegno civile e sociale, finalmente in linea con i parametri europei di diffusione del   documentario. Gli autori Dario Picciau e Roberto Malini sono stati invitati a presentare in concorso i cortometraggi Binario 21 e Quando Bartolomeo Sorride .

CONTINUA NELLA SEZIONE CINEMA

Matisyahu, il ritmo felice del Hassidic Reggae

"La giovinezza è il motore del mondo," canta Matisyahu nel brano "Youth", dall'omonimo, bellissimo album. Ha 25 anni ed è un ebreo ortodosso. La sua musica piace a New York come a Parigi e a Gerusalemme: parte dal reggae ma mescola gli inni ebraici nello stile del rabbino americano Shlomo Carlebach, e trae spunti anche dall'hip-hop. Tanto per classificarlo, i critici musicali americani dicono che il genere di Matisyahu è un "Hassidic reggae", un reggae hassidico. Ortodossia ebraica, musica giamaicana e ritmi hip hop, un mix originale che ha fatto di Matisyahu, al secolo Matthew Miller, una star. Un artista che parla di pace senza lanciare messaggi politici, che parla di Dio senza nessun pudore a platee di giovani come lui, com'era lui a 14 anni, tanto ribelle da rischiare di essere espulso dalla scuola ebraica di White Palins, a New York.


CONTINUA NELLA SEZIONE VISIONARI

Giornata dell’Africa: Save the Children stringe la mano a Giorgio Napolitano

25 maggio 2006. Save the Children desidera esprimere apprezzamento per le parole pronunciate dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, in occasione della Giornata dell’Africa, ha detto tra l’altro: “l'Italia continuerà ad essere vicina all'Africa e io farò tutto quello che rientra nei miei poteri perché questo impegno sia rispettato".

CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI

Visions contro il fumo, per la vita

Inizia nel Regno Unito una nuova iniziativa contro il fumo. Il governo propone ai cittadini 42 immagini che mostrano con crudo realismo i danni causati dalla sigaretta. 14 fotografie verranno stampate sui pacchetti di sigarette. Visions fa propria la campagna e invita i fumatori ad osservare alcune di quelle immagini e a riflettere se sia il caso di gettare via la propria salute e la propria vita in cambio di qualche effimero e illusorio momento di relax o non, piuttosto, di gettare via per sempre il pacchetto di sigarette. R.M.

http://www.corriere.it/

Kallimakos

Kallimakos. Videoinstallazione
per quattro schermi.

Quattro cavalle dal mantello bianco
tirano, lavorando insieme, il carro.

Lampi di bianco. Magma bianco.
Schiuma bianca. Plasma bianco.

Così la grande dea che tutto può
viene e porta con sé la primavera
bianca

Linfociti. Voce bianca.

e la bianca estate e autunno e inverno,
curandosi di noi da un anno all'altro.

Bianco metafisico. Il bianco nell'Opera.

Watching The Sky

La 263 Films al MixedMedia

Milano, Hangar Bicocca "Torri di Kiefer"
25-28 maggio 2006

25 maggio 2006. Inizia la prima edizione di MixedMedia,  evento internazionale di new media art , architettura, sound e audiovisivi. La manifestazione si svolge a Milano presso l'Hangar Bicocca (Viale Sarca 336) in presenza della spettacolare installazione "I Sette Palazzi Celesti" dell'artista Anselm Kiefer. MixedMedia è un evento nuovo nell'àmbito della cultura e dell'arte elettronica, un settore in continuo sviluppo in cui le espressioni del pensiero e della creatività umani si sviluppano insieme all'evolversi dei nuovi media.

CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI

Grandezza della filosofia antica

Perché la filosofia antica ci appare così profonda e universale, rispetto a quella moderna? La differenza - o quello che che ci colpisce quando poniamo in confronto le due filosofe - è la loro distanza morale dal "vero assoluto", secondo un'espressione usata da Giacomo Leopardi.

CONTINUA NELLA SEZIONE ARTE & CULTURA

Per un'editoria senza frontiere

Nella giornata di domenica 11 giugno 2006 si svolgerà a Firenze, presso l' Auditorium dell'Ente Cassa di Risparmio in via Folco Portinari 5 , un evento culturale intitolato " Contro le frontiere dell'editoria italiana ": un incontro esclusivo con alcuni rilevanti rappresentanti dell'editoria e della cultura nazionale. Le contraddizioni, le metamorfosi e gli orizzonti dell'editoria in Italia saranno analizzati in un'occasione davvero speciale: un'iniziativa - che inizierà alle ore 10,30 e terminerà alle 18,30 - patrocinata dalla Provincia di Firenze , dall' Assessorato alla Cultura del capoluogo toscano e dall' Ente Cassa di Risparmio di Firenze . L'incontro rappresenta una tappa importante per la crescita e l'affermazione del progetto L'emergente sgomita (www.emergentesgomita.com), diretto dal giovane scrittore e promotore culturale Matteo Pegoraro .

CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI

"Avventura sì, violenza no": la nuova frontiera del videogioco

1962, un équipe di ingegneri del MIT inventa Spacewar , il primo videogioco. In una grafica semplicissima, a quadratini, due astronavi si affrontano girando fin troppo lentamente intorno a un sole. Dieci anni dopo esce, per la Atari, Pong ed è subito successo. Da allora il mercato videoludico ha segnato centinaia di tappe, sempre alla ricerca di una simulazione del mondo reale. Nel 1988 la Namco pubblica Splatterhouse, una versione interattiva dell' horror Venerdì 13.


CONTINUA NELLA SEZIONE LABORATORI VISIONS

Olocausti e luci: dal salotto di Firenze un progetto universale

Firenze, 17 maggio 2006. Nella cornice del Salotto Letterario Bizzeffe-Vallecchi di Firenze si è tenuta la vernice della mostra fotografica Eldorado Nuova Apertura . Gli artisti Roberto Malini e Steed Gamero hanno conversato in un'atmosfera informale con i visitatori, spiegando le immagini esposte e il significato del progetto.


CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI

Nell'Infinito

"La mente nostra non può non solamente conoscere, ma neppur concepire alcuna cosa oltre i limiti della materia". Lo scrisse Giacomo Leopardi nello Zibaldone. Il pensiero leopardiano è coerente e chiaro. Ma la sua poesia, è davvero poesia della materia? Se riconosciamo il suo Infinito come un luogo fisico, perché continuiamo a cercare nel suo profondo uno spazio per l'anima? R.M.


Il primo bambino

Racconto breve di Roberto Malini

C'era un bambino così piccolo che nessuno riusciva a vederlo. A malapena si poteva udire la sua voce, sottile come il ronzio di una zanzara. Era minuscolo, ma possedeva un dono immenso. Se esclamava "Voglio!", quello che desiderava diventava reale. Quando pronunciò la prima parola, non esisteva niente: né la terra né il cielo; né la notte né il giorno. "Voglio esistere!", disse e si sentì improvvisamente diverso, più completo, anche se più pesante. Aveva manine e piedini, occhietti chiusi e labbra per parlare, finalmente, con una vocetta sonora.

CONTINUA NELLA SEZIONE ANTOLOGIA DIGITALE

Max Malini, il più grande mago del mondo

Max Malini nacque a Ostrov, in Polonia, il 27 maggio 1873. Ebreo, emigrò in giovanissima età con la sua famiglia a New York. Si avvicinò all'arte della prestidigitazione e dell'illusionismo grazie all'amicizia con il Professor Seiden, ventriloquo e mangiafuoco di fama. Eseguiva i suoi straordinari esercizi, che lasciavano folle intere a bocca aperta, con oggetti reperibili nel quotidiano: monete, cappelli, bicchieri, fiammiferi, carte da gioco, coltelli. Lavorò insieme al Professor Walters e ad Emile Jarrow, che diventerà uno dei più celebri maghi comici del Vaudeville.


CONTINUA NELLA SEZIONE VISIONARI

Dario Picciau e Roberto Malini al Mixed Media

Mixed Media: evento di cultura elettronica di new media art , architettura, sound/audiovide o.

Dal 25 al 28 Maggio 2006, appuntamento per innovatori, visionari e cultori dei nuovi media presso l'Hangar Bicocca, viale Sarca 336, Milano.

In un momento storico in cui proliferano festival e rassegne legate all'applicazione artistica dei nuovi media e delle cosiddette nuove tecnologie, Mixed Media è un evento di cultura elettronica che non ambisce a fornire un panorama esaustivo delle pratiche e delle discipline che animano questo mondo in costante evoluzione, ma che si pone essenzialmente come momento di crescita del dialogo e del confronto intorno ai nuovi media.

CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI

Che cosa pensava degli ebrei Giacomo Leopardi?

Giacomo Leopardi scrisse nello Zibaldone : "Lo spirito della legge Giudaica non solo non conteneva l'amore, ma l'odio verso chiunque non era Giudeo. Il Gentile, cioè lo straniero, era nemico di quella nazione; essa non aveva neppure nè l'obbligo nè il consiglio di tirar gli stranieri alla propria religione, d'illuminarli ec. ec. Il solo obbligo, era di respingerli quando fossero assaliti, di attaccarli pur bene spesso, di non aver seco loro nessun commercio. Il precetto diliges proximum tuum sicut te ipsum , s'intendeva non già i tuoi simili , ma i tuoi connazionali . Tutti i doveri sociali degli Ebrei si restringevano nella loro nazione".


CONTINUA NELLA SEZIONE ARTE & CULTURA

Libero Stelluti: la vocazione dell'attore, il Fato e il Teatro No

A cura di Alfred Breitman

Il mestiere dell'attore, colui che impersona un ruolo all'interno di una rappresentazione artistica, è una professione antica. Fin dalla preistoria gli attori hanno preso parte a cerimonie religiose che si svolgevano nella forma di drammi sacri; nel VI secolo a.C. Tespi "inventò" il primo attore (protagonista), Eschilo il secondo (deuteragonista) e Sofocle il terzo. Prima di Tespi, le vicende teatrali venivano raccontate dal narratore in terza persona. Per onorare Tespi, gli attori furono definiti "tespiani". Nell'epoca di William Shakespeare attori efebici interpretavano anche i ruoli femminili. Oggi come nell'antichità, il vero attore risponde al richiamo dell'arte e non si dà pace finché non abbia affinato gli strumenti dell'interpretazione: la voce, l'espressione facciale, la gestualità, l'incedere, la presenza scenica. Visions segue con attenzione la carriera di Libero Stelluti, giovane attore che sarà protagonista del cortometraggio "Rose und Grüne" (soggetto e sceneggiatura di Roberto Malini).

CONTINUA NELLA SEZIONE CINEMA


Eldorado Nuova Apertura: il sostegno di Gerard Koskovich e Louis-Georges Tin

I più importanti istituti di ricerca sulla deportazione degli omosessuali e gli storici dell'Olocausto di tutto il mondo sostengono un'iniziativa culturale nata completamente in Italia, grazie alle idee degli artisti Roberto Malini e Steed Gamero nonché alla sinergia fra l'Arcigay Firenze, la società Visions di Milano, i comuni di Firenze e Scandicci. Il sociologo e scrittore Louis-Georges Tin,   curatore del Dictionnaire de l'homophobie e ideatore dell'IDAHO ( International Day Against Homophobia , in italiano "Giornata mondiale contro l'omofobia") ha scritto un messaggio entusiastico a Francesco Piomboni e Matteo Pegoraro dell'Arcigay Firenze,   complimentandosi   per la qualità artistica e il valore sociale dell'evento: "Davvero un grande programma. Non dimenticatevi di inviarmi qualche foto e una locandina per la nostra organizzazione".   Louis-Georges ha voluto diffondere in tutto il mondo le prime notizie sulla mostra attraverso il portale http://www.idahomophobia.org . Contemporaneamente lo storico Gerard Koskovich, conosciuto e rispettato in tutto il mondo per le sue ricerche sulla storia omosessuale e in particolar modo sulla persecuzione attuata dai nazisti contro i "triangoli rosa", membro direttivo del Mémorial de la Déportation Homosexuelle (Parigi) e della GLBT Historical Society (San Francisco), ci scrive un lungo messaggio, offrendo il suo sostegno e il patrocinio degli importanti istituti che dirige. Grazie a Koskovich, il portale Triangles Roses dedica e dedicherà spazio alla mostra (http://www.triangles-roses.org/actualite.htm). Le locandine e alcune foto originali saranno donate ai due importanti Musei, all'Archivio di Triangles Roses e alla preziosa Collezione Koskovich. Lo storico collaborerà attivamente alle prossime fasi della mostra Eldorado Nuova Apertura (che diviene "itinerante") e sarà suo il saggio introduttivo alla prossima pubblicazione delle opere, che accoglierà anche interventi di Roberto Malini, Matteo Pegoraro, Francesco Piomboni e - ci auguriamo - Louis-Georges Tin.

CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI


Save the Children denuncia gli abusi di caschi blu e cooperanti sui bambini della Liberia


Save the Children
, l'organizzazione non governativa per la protezione dell'infanzia, denuncia centinaia di abusi sessuali su bambine nei campi profughi in Liberia. I crimini vengono commessi ogni giorno, da parte di caschi blu e cooperanti. Quello che sorprende, a parte la gravità e l'orrore dei fatti, è l'indifferenza con cui l'opinione pubblica accoglie la notizia, pubblicata in prima pagina da tutti i quotidiani del mondo, diffusa dalle TV e documentata in periodici e siti internet. Sembra che sollevino molto più scandalo e indignazione gli amori furtivi e boccacceschi fra quattordicenni maschi americani e le loro giovani e procaci professoresse. La verità è che discriminazione e razzismo sono ancora latenti a tutti i livelli, nelle società dei paesi ricchi e che si tende a valutare con pesi diversi i diritti di chi ha la pelle scura e vive nei paesi poveri, anche se è un bambino. Ecco il servizio apparso in data 9 maggio 2006 su L'Unità

CONTINUA NELLA SEZIONE VISIONARI

Il Diario di Anne Frank fu scritto con la "Bic"?

di Roberto Malini

Alcuni utenti di Indymedia riprendono una "leggenda metropolitana" ovvero che il Diario di Anne Frank sarebbe stato scritto con una "Bic". Visto che quella penna a sfera fu commercializzata nel 1951, equivarrebbe ad affermare che si tratti di un falso. Vediamo come stanno le cose.

CONTINUA NELLA SEZIONE RAGGI "V"


Visions e il Raccontafavole

Dario Picciau e Roberto Malini si imbattono in uno starordinario raccontafavole. E' David Petersen, 29 anni, un artista che vive e lavora nel Michigan (Usa) e che ha pubblicato recentemente la serie di libri illustrati Mouse Guard, un successo di pubblico e critica come non se ne ricordano da tanto tempo.

 

CONTINUA NELLA SEZIONE CINEMA

La testa della Medusa

Ansimante, coperto di sangue e di veleno, Perseo, il guerriero, si chinò a raccogliere la testa della sua nemica più fiera e terribile: Medusa.
Medusa, temuta dai viaggiatori e dagli avventurieri di tutto il mondo conosciuto, finalmente sconfitta con le armi e con l'astuzia. Nessun mortale, ma neanche gli eroi celebrati dagli aedi e dai vati potrebbero mai sperare di fronteggiare un mostro divino come una Gorgone, uscendo trionfanti dallo scontro.


CONTINUA NELLA SEZIONE ANTOLOGIA DIGITALE

Eldorado Nuova Apertura. Intervista a Steed Gamero

a cura di Alfred Breitman

In occasione della mostra fotografica Eldorado Nuova Apertura (Firenze, BZF - Vallecchi, vernissage 17 maggio 2006), che racconterà - attraverso un percorso artistico costituito da venti immagini - la persecuzione e lo sterminio degli omosessuali in Germania sotto il regime nazionalsocialista, ho posto alcune domande al giovanissimo fotografo peruviano (ma ormai italiano di adozione) Steed Gamero.

 

CONTINUA NELLA SEZIONE ARTE & CULTURA

Contro le frontiere dell'editoria italiana

Nella mattinata di domenica 11 giugno 2006 si svolgerà a Firenze una tavola rotonda intitolata "Contro le frontiere dell'editoria italiana", con ospiti alcuni tra i più rilevanti rappresentanti dell'editoria e della cultura nazionale. Le contraddizioni, le metamorfosi e gli orizzonti dell'editoria in Italia saranno analizzati in un'occasione davvero speciale: un evento patrocinato dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze e dall'Ente Cassa di Risparmio di Firenze.  



CONTINUA NELLA SEZIONE EVENTI

Il discorso di Baltimora

Racconto breve di Roberto Malini

Un giorno - correva l'anno 1692 - un personaggio singolare entrò a piedi nella città americana di Baltimora. Superava in altezza qualsiasi cittadino del posto, era magrissimo, con gambe e braccia lunghe ed esili che sembravano fatte di fil di ferro. Aveva lunghi capelli ricci del colore del rame e il viso rasato. Non si poteva dire quanti anni avesse. Cinquanta? Sessanta? Di più? I bambini lo seguivano a distanza, mentre procedeva a lunghi passi e i suoi mocassini di pelle sollevavano piccole nubi di polvere dalla strada. La gente lo guardava con stupore. Portava con la mano sinistra una capiente borsa color tortora che oscillava come un pendolo. Si fermò davanti all'emporio della strada principale. Davanti a lui si radunò in pochi minuti un capannello di curiosi.

CONTINUA NELLA SEZIONE ANTOLOGIA DIGITALE

Ottimismo leopardiano

E' un periodo in cui mi sento molto vicino a Giacomo Leopardi e non perché io stia passando un momento di disperazione o "pessimismo". Al contrario, mi succede di assimilare con grande facilità il nettare gioioso che emanano le parole. E' un sentimento incantato e religioso che il poeta di Recanati conosceva benissimo. Non è vero che Leopardi non avesse fede in alcuna realtà divina. Come Esiodo e Omero, come un vate dei tempi antichi Giacomo aveva fede nelle parole. Conosceva perfettamente quelle perfette e immortali, tramandate dalla sapienza e dalla poesia classiche. Conosceva quelle oscure come il mistero della notte e quelle "poeticissime", capaci di elevarsi molto al di sopra della materia che si corrompe e svanisce. Se Giacomo Leopardi dovesse rispondere di fronte a un tribunale metafisico dell'uso che fece delle parole, neanche il giudice più severo potrebbe ascrivergli alcuna colpa. La fede nella bellezza delle parole è l'ottimismo leopardiano. R.M.

Universe, la Nuova Rete

" Ultimate Internet . L'evoluzione dell'essere umano, da Homo Sapiens a Homo Summus : utente totale, eternamente connesso grazie a MU ( My Universe ) . La presenza umana nella nuova Rete, Universe , non sarà più costituita dalle ombre digitali degli utenti, ma da veri e propri doppi, che porteranno con sé ogni traccia della loro Terrestrial Life . Nello stesso modo, ogni esperienza di T.L. sarà assimilata e diventerà codice esistenziale nella U.L. ( Universal Life )". Alfred Breitman

La masseria delle allodole raccontata in un film dei Taviani. E l'equilibrio internazionale che trema.

di Matteo Pegoraro

Il governo di Ankara preme le case di distribuzione italiane perché non producano il nuovo film dei fratelli Taviani sul genocidio armeno

Non è ancora uscita nelle sale cinematografiche e già la nuova pellicola dei fratelli Paolo e Vittorio Taviani ha fatto tremare l'intera Turchia, e con essa l'equilibrio internazionale degli ultimi tempi. Il film, ispirato al romanzo pluripremiato La masseria delle allodole (Rizzoli, 2004) di Antonia Arslan, ripercorre la tragedia dell'olocausto armeno cui i turchi diedero inizio alla fine del 1914 proprio sulle colline dell'Anatolia ottomana dove sorgeva la casa di famiglia della scrittrice.

 

CONTINUA NELLA SEZIONE CINEMA

Yom Hashoah

Oggi, 25 aprile 2006, anniversario della Liberazione, è il 27 del mese di Nissan del calendario ebraico. Gli ebrei di tutto il mondo ricordano i sei milioni di vittime della Shoah e gli eroi della resistenza ebraica. Dalla brochure del Museo memoriale Yad Vashem di Gerusalemme: "Yom HaShoah Ve-Hagevurah significa in ebraico "Giorno della Memoria dei martiri e degli eroi dell’Olocausto". Yom HaShoah, che segna l’inizio della rivolta del ghetto di Varsavia nel 1943, fu stabilito per legge dal governo Israeliano nel 1951. Una sirena risuona per due minuti in tutto il paese in memoria delle vittime, ed i luoghi di intrattenimento come teatri, sale da ballo, ristoranti e caffè restano chiusi. E’ divenuto una data commemorata dalle comunità Ebraiche e dai singoli credenti in tutto il mondo".

Continua nella sezione ARTE & CULTURA

Leopardi sul lettino dello psicoanalista

di Roberto Malini

Quando ho un attimo di tempo, amo scambiare idee e opinioni all'interno di alcuni forum dedicati all'arte e alla cultura. Recentemente, proprio in uno di quegli ineguagliabili salotti virtuali, si è toccato - o sfiorato - un tema interessante: i rapporti fra filosofia e psicanalisi. "Leopardi sul lettino": sarebbe valido, lo strumento della psicoanalisi, per comprendere più a fondo il pensiero e l'animo del poeta di Recanati? Quand'ero ragazzo, un caro amico, psicoterapeuta junghiano, mi disse che il limite dell'indagine psicoanalitica è chiaramente delineato dalla "medietà" della psiche del soggetto analizzato.

CONTINUA NELLA SEZIONE ARTE & CULTURA

Il teaser trailer di Dear Anne nelle sale italiane

"Non credevo che il computer potesse creare personaggi e mondi simili a quelli reali, ma questa è la perfezione!" ha esclamato Carlo Rambaldi, tre volte premio Oscar per gli effetti speciali, dopo aver assistito alla proiezione del teaser-trailer di Dear Anne , il lungometraggio di Dario Picciau che ricostruisce i luoghi, i protagonisti e le atmosfere dell'epoca e del mondo di Anne Frank.

Continua nella sezione CINEMA

 

Eva Robin's: l'orgoglio e la bellezza della diversità

Milano, 18 aprile 2006. Eva Robin's, simbolo dell'orgoglio della diversità e ineguagliabile icona androgina, incontra lo scrittore Roberto Malini - con cui parla delle 100 Anne Frank e del riemergere di tanti pregiudizi nella società contemporanea - e posa per i "ritratti berlinesi", che saranno esposti al pubblico dal 17 maggio - Giornata mondiale contro l'omofobia - a Firenze nell'àmbito della mostra fotografica di Roberto Malini e Steed Gamero Eldorado nuova apertura. "Eva ha un volto espressivo e bellissimo," ha detto il giovane fotografo Steed Gamero, "che mostra emozioni dolci o drammatiche. Abbiamo cercato di ritrarre le luci e le ombre del suo mondo interiore ". Eva Robin's ha manifestato uguale entusiasmo e si è detta felice di aver posato per i "ritratti berlinesi". Eva torna sulle scene italiane con un monologo di Copi: Il frigo, per la regia di Andrea Adriatico. Si tratta di una tragicommedia umoristica irriverente e surreale che debutta il 19 aprile al Teatro Arsenale di Milano e quindi sarà in tournée fino al 26 maggio. A.B.

Foto © Steed Gamero 2006

Ritorno a Matisse

Che differenza c'è fra i nuovi artisti e quelli delle ultime generazioni precedenti? Le diversità sono tante. La più importante è la mancanza di ideali e di ispirazione che caratterizza spesso gli artisti del nostro tempo, il cui unico intento sembra essere quello di stravolgere le tradizioni non tanto per condurre l'arte verso un vero progresso, non tanto per rappresentare nuovi valori, quanto piuttosto per sorprendere, per suggestionare, per suscitare uno scandalo fine a se stesso, utile solo alla notorietà dell'artista. Oggi i pittori sono alla disperata ricerca di immagini che non passino inosservate, di un immaginario di rottura che li ponga in una dimensione al di là del giusto e dell'ingiusto. La morte, il sangue, la deformità, la violenza e la violazione di ciò che è sacro o innocente - al sentire comune - sono la "tavolozza" dei nuovi artisti.

Continua nella sezione ARTE & CULTURA


I muri del pianto

Gigi Riva, giornalista de L'Espresso, grande conoscitore dell'area mediorientale, ha scritto uno dei libri in assoluto più utili e chiari per comprendere le ragioni e gli orizzonti futuri del conflitto israelo-palestinese: I muri del pianto (edizioni UTET). Le tensioni fra Israele e la Palestina si riflettono sulla politica e sulla vita stessa dei popoli di tutto il mondo. Il reportage di Gigi Riva prende in considerazione la crisi sotto ogni aspetto: le posizioni dei leader, quelle dell'opinione pubblica, paure e ossessioni, gli effetti del terrorismo e quelli di una politica fatta di intransigenza e barriere. Intanto, sullo sfondo, "la questione che turba i sonni a tutti i leader mediorientali: la demografia".

Continua nella sezione LIBRI

Le cento Anne Frank (diario di una lettrice)

Di Margherita Campaniolo. Insegnante, responsabile web ma Margherita è anche una semplice lettrice. E' in questa veste, e solo in questa, che voglio parlarvi di un libro recentemente uscito per la Cairo Editore "Le 100 Anne Frank - I diari mai scritti" di Roberto Malini. Anne Frank, chi di voi non conosce questo nome, chi di voi almeno una volta nella vita, per scelta o perchè a scuola "si fa", non si è trovato a misurarsi con almeno una delle pagine del suo diario? Chi, di fronte alla sua immagine dai grandi occhi, tanto dolci quanto interrogativi, non ha provato un moto di umana compassione?

Continua nella sezione LIBRI

Nedo Fiano ricorda Anne Frank e la Shoah ai ragazzi di Cassina de' Pecchi (Milano)

Cassina de' Pecchi, 4 aprile 2006. Nedo Fiano, testimone sopravvissuto ai campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau e Buchenwald, ha dato vita a un incontro commovente e indimenticabile con i ragazzi delle classi seconde e terze della scuola media "Giovanni Falcone" di Cassina de' Pecchi (Milano). Anna Frank, una di sei milioni era il tema dell'evento.





Continua nella sezione EVENTI

Arman in memoriam

Il 22 ottobre 2005 l'artista Arman, sofferente da tempo di un tumore incurabile è morto a New York all'età di 76 anni. Il giorno successivo il giovane fotografo peruviano Steed Gamero (che dà alle stampe in questi giorni il libro di immagini d'arte Qabbalah, riflessi ed echi dello spirito ) ha realizzato una serie di immagini per ricordare Arman e la sua arte. La serie - Arman in memoriam - celebra una grande accumulazione di strumenti a fiato che si trova a Cernusco sul Naviglio.


Continua nella sezione ARTE & CULTURA

Fumetto. NYX : turbamenti e mutamenti

di Steed Gamero

Joe Quesada e Joshua Middleton firmano per la Marvel un fumetto che rappresenta le ansie, le paure, le insoddisfazioni dell'adolescenza, alle prese con i fantasmi e i "mostri" della crescita. Kiden: "Non so se riesci a sentirmi... mi senti mostro ? Ora sono io a giocare in casa". Il primo numero di NYX è uscito in America nel novembre del 2003, mentre la serie si è conclusa   nell'ottobre del 2005.


Continua nella sezione CREATIVITA'

Ricordiamo Anna Frank
una di sei milioni

Incontro con Nedo Fiano

Scuola Media Statale Giovanni Falcone - Aula Magna
Via Sirio, 8, Cassina de' Pecchi (Milano)
Martedì 4 Aprile 2006
Dalle ore 11.30

LOCANDINA E MONOGRAFIA DELL'EVENTO SCARICABILE CLICCANDO QUI.

In occasione dell’evento Roberto Malini (che leggerà la pagina dedicata all’autrice del Diario, dal suo libro Le 100 Anne Frank), Carol Morganti e la direzione dell’Istituto presenteranno brevemente l’anniversario e la figura di Nedo Fiano. Ai ragazzi verrà donato l’opuscolo Anna Frank, una di sei milioni. Vi saranno alcuni ospiti a rappresentare i media e la scuola. Dario Picciau, Roberto Malini, Christian Bona e Luigi Naddei realizzeranno un film sul meeting, che sarà donato alla Scuola Media e promuoverà durante incontri e presso i media la memoria della Shoah.

Continua nella sezione EVENTI

Visions, il motore dell’innovazione

L’Europa punta sull’innovazione e dedica ingenti risorse alla trasformazione delle strutture produttive, agli istituti di ricerca e istruzione, al mondo dell’informazione e della comunicazione. Gli obiettivi del primo Action Plan for Innovation (1996) riguardavano l’interazione fra ricerca e innovazione, promuovendo l’hi-tech nei diversi settori. I progetti del più recente Action Plan – divulgati nel corso della Conferenza di Lisbona maggio 2005 – link: http://europa.eu.int riguardano l’impiego delle tecnologie digitali, lo sviluppo delle strategie di accesso e la promozione di strutture che si dedichino alla ricerca, all’istruzione e alla promozione della cultura digitale). La computer graphic, le discipline specialistiche legate alla modellazione e all’animazione tridimensionale (digital reality) e le tecnologie di Rete costituiscono l’espressione più avanzata dell’innovazione tecnologica. La realtà digitale non è solo una nuova frontiera del cinema e della comunicazione, ma riguarda il mondo industriale, i servizi pubblici, la scuola. Lo sviluppo dei sistemi di comunicazione, l’accesso e la costruzione di imponenti strutture in Rete, la valorizzazione e il progresso delle tecnologie digitali sono fattori critici di successo per le aziende pubbliche e private. E, in misura addirittura superiore, per gli enti di ricerca e quelli deputati all’istruzione dei giovani e alla qualificazione o specializzazione professionale delle risorse umane. Nella relazione 2005 dedicata alla situazione della popolazione giovanile mondiale, l’Onu pone quale priorità basilare per la crescita di uno stato e per il miglioramento delle condizioni di vita dei suoi cittadini l’innovazione, soprattutto nel mondo digitale. Innovare prodotti e servizi, in alcuni casi con progetti talmente avanzati da risultare “rivoluzionari” rispetto alle consuetudini, è l'obiettivo principale di ogni impresa o istituzione che intenda svilupparsi con successo, negli attuali contesti sociali, culturali ed economici . Negli ultimi anni, le tecnologie dell'informazione si trasformano da strumenti di ausilio a veri e propri driver dei processi di innovazione.
Nella società dell’accesso e dell’informazione, la quantità di dati da gestire, la natura globale degli scenari del progresso, la convergenza sempre più marcata fra tecnologie diverse, la velocità con la quale le idee innovative si trasformano in soluzioni competitive, fanno sì che solo gli specialisti e le strutture capaci di attuare progetti e strategie nel mondo digitale possano cogliere le formidabili opportunità offerte dall’innovazione. La comunicazione digitale e le risorse della Rete, con la loro capacità di cancellare i limiti geografici e culturali, sono i veicoli più affidabili sulle nuove autostrade del progresso. Nel cinema, nell'editoria, in Rete e nel mondo della comunicazione Visions è un motore di innovazione.

Robin di Oz

Visions s.r.l. è la società che si pone quale “motore” dell’innovazione. Da una “costola” di Visions è nato il progetto alla base della società di produzione cinematografica 263 Films: il film di animazione tridimensionale fotorealistica Dear Anne. The Gift of Hope. Visions sta promuovendo nuovi progetti negli àmbiti dell’editoria, della televisione (per esempio, il documentario di nuova generazione, con ampio uso del motion capture e della grafica tridimensionale, In viaggio con Anne Frank) e alcuni lungometraggi.

Continua nella sezione CINEMA

Israel la magia esiste

Visions presenta il film Israel, che racconta gli aspetti magici della vita umana attraverso una vicenda moderna, un'avventura che si svolge nel caos di New York, ma conduce lo spettatore nella Londra e nella Parigi del primo Novecento e in ambienti carichi di suggestioni magiche ed esoteriche. Martin è un medico, Rose un'infermiera.

Continua nella sezione CINEMA

 

 

Robin di Oz si presenta... a Positano

Il progetto Robin di Oz è stato nominato tra i ventitré candidati al concorso Pitch Me! Italia - Cartoons on the Bay 2006. Mercoledì 5 aprile presso la sala conferenze dell'Hotel Covo di Saraceni di Positano si definiranno i cinque finalisti. La Giuria del Pitch Me! Italia di Cartoons on the Bay 2006 sarà composta da: Michaela Haberlander, FilmFernsehFonds Bayern, Guido Manuli, Regista - Autore e Annita Romanelli, Rai Fiction. La presentazione dei cinque progetti finalisti avrà luogo giovedì 6 aprile, dalle ore 9.30 alle 12.00. Il progetto vincitore del concorso Pitch Me! 2006 verrà annunciato e premiato nel corso del Festival Show di giovedì 6 aprile, alle ore 20.30 al Cartoons Village allestito nella spiaggia di Positano. Pitch Me! Italia 2006 è un'iniziativa realizzata in collaborazione con Rai Innovazione Prodotto. La decisione degli organizzatori di selezionare il progetto Robin di Oz solo in base al soggetto rappresenta di per sé un successo per Visions ed è un viatico entusiasmante per l'opera.

Premio Amici di Milano a Dario Picciau

26 gennaio 2006
Martedì 24 gennaio 2006 il regista Dario Picciau ha ricevuto a Palazzo Marino, nel Salone d'onore (Sala Alessi), il Premio Internazionale Amici di Milano - Targa d'argento del Presidente della Repubblica Italiana (Anno 2006).

 

 

Continua nella sezione EVENTI


263 Films e Dear Anne

Cara Anne. Il dono della speranza è il lungometraggio di animazione tridimensionale prodotto dalla 263 Films di Milano. Il regista trentenne Dario Picciau – già premiato al Future Film Festival di Bologna nel 2003 e in diverse importanti rassegne internazionali per il film 3D L’uovo – presenta alla 62° Mostra del Cinema di Venezia, nella conferenza stampa del Future Film Festival, un teaser-trailer che propone per la prima volta la Digital Reality, il nuovo standard del cinema digitale.

 

Continua nella sezione CINEMA

100 donne di nome Anne Frank morirono nella Shoah

E' in libreria il saggio "Le 100 Anne Frank" di Roberto Malini (www.annesdoor.com), un'opera che conduce i lettori (specialisti e non) in un itinerario attraverso l'Europa della Shoah , sulle tracce di 100 donne di nome Anne Frank. L'autore ha scoperto le 100 vittime della follia nazista nell'archivio del museo memoriale Yad Vashem di Gerusalemme.

Continua nella sezione LIBRI

 

 

 

Urbano Cairo entra nell’editoria libraria
di Marina Gersony (Il Giornale)

22 marzo 2006.
Italiani che non leggono - Leitmotiv trito e ritrito - e nuovi editori che, nonostante lo sconsolante dato, si tuffano con coraggio in un mercato non facile. L’iniziativa parte da Urbano Cairo, imprenditore che ama le sfide - vedi calcio e periodici - per approdare in editoria. A partire da questo mese, con i marchi Cairo Editore e Giorgio Mondadori, inizia l’attività della nuova casa editrice presieduta dallo stesso Cairo, di cui Gianni Vallardi è amministratore delegato e Marcella Meciani direttore editoriale. Tutto fa capo alla Cairo Communication, gruppo editoriale presente sul mercato dei media e della raccolta pubblicitaria, quotato alla Borsa di Milano, che nel 2005 ha realizzato un fatturato di circa 205 milioni di euro

Continua nella sezione LIBRI

 

Nasce la nuova casa editrice Cairo,
scippando Christian Jacq a Mondadori
da "Il Gazzettino", 13 marzo 2006

Roma, 11 Marzo 2006

Si presenta un nuovo peso massimo nel ring già molto affollato dell'editoria italiana: promossa dai marchi Cairo Editore e Giorgio Mondadori nasce infatti la Cairo Publishing, presieduta da Urbano Cairo, con Gianni Vallardi come amministratore delegato e la direzione editoriale affidata a Marcella Meciani.

Continua nella sezione LIBRI


Dedicata ad Anne, "Il mondo di Anne Frank" a Gallarate

da varese News.com

Gallarate (Varese). Da martedì 24 gennaio a domenica 15 febbraio (con proroga fino al 10 marzo) si è tenuta al Liceo Scientifico Statale, viale dei Tigli 38 "Dedicata ad Anne", Mostra documentaria su Anne Frank a cura del Liceo Scientifico...

Continua nella sezione ARTE & CULTURA

Interviste a Dario Picciau & Roberto Malini

Incontro Dario Picciau per la prima volta al Festival del Cinema di Venezia. É giovane, e questo in un certo senso mi stupisce: si è talmente abituati a parlare di grandi registi solo una volta che questi hanno alle spalle una carriera farcita d'infiniti successi. E invece eccolo lì, un trentenne che dentro di sé serba idee geniali destinate a diventare Storia. Il cinema è il suo mondo, e scopro da subito che si trova perfettamente a suo agio in mezzo agli artisti migliori del Pianeta.

Continua nella sezione VISIONARI

Geronimo Stilton: studio del personaggio, dei suoi rapporti con la struttura della fiaba e delle sue potenzialità nel medium cinematografico.

(Studio realizzato per le Edizioni Piemme)

1. Il topo umanizzato nella letteratura per l'infanzia e nel cinema di animazione

Nell'immaginario della letteratura per l'infanzia, il topo possiede in genere caratteristiche di intelligenza e intuito, amore per la casa e le tradizioni, trasporto verso la cultura degli esseri umani: letteratura, arte, musica. In genere non è attratto dalla tecnologia né dai cambiamenti troppo repentini, cui tuttavia sa adattarsi grazie a uno spirito acuto. E' un gentiluomo, tutto stile e buone maniere; nell'immaginario letterario, lo rappresenta bene Johnny Topo di Città, uno dei personaggi di Beatrix Potter.

Continua nella sezione CREATIVITA'

 

Jacob Vassover, l'arte yiddish e la memoria della Shoah

di Roberto Malini

Jacob Vassover nacque a Lodz, in Polonia, l'1 marzo 1926. Vive in Israele. E' l'ultimo rappresentante dell'arte yiddish , la pittura degli shtetl , fatta di luce e colore puri, splendida come la Shekinah - la manifestazione dello spirito divino - e innocente come una mitzvah, una buona azione. "E' difficile dire se l'arte yiddish avrà un futuro," spiega l'artista ottantenne, "perché gli eredi di quella cultura quasi distrutta dal nazismo sono pochi e la maggior parte dipinge come se raccontasse delle storie.

Continua nella sezione RAGGI "V"

 

 

Anne Frank rivive con voi, un e-book da non perdere

"L'emergente sgomita" (www.emergentesgomita.com) portale della cultura giovane, della letteratura che vuole ritrovare un'antica purezza, dei libri virtuali e delle virtualità reali dedica a Dario, alla nostra amica Angelica Calò, al mio lavoro e soprattutto ad Anne Frank un intero e-book a cura di Laura Onofri e Matteo Pegoraro: Anne Frank rivive con noi. All'interno del n° 5 della rivista digitale è riservato spazio ad Anne's Door e al libro Le 100 Anne Frank. Sono testi molto curati, una vera guida - corredata di immagini - che consente a tutti di "entrare" nella "fabbrica della memoria" in cui Dario, io, gli uomini e le donne della 263 Films ci impegniamo ogni giorno per restituire al presente non solo il messaggio, ma anche la sembianza e lo spirito dell'autrice del celebre Diario. Particolarmente interessanti e originali le interviste a Dario, Angelica e me. R.M.

 

 

Cinque poesie di Emily Dickinson
tradotte da Roberto Malini

Nell'Eden

Il Paradiso è nell'Opzione.
Chi lo vorrà
Vivrà nell'Eden, nonostante
Adamo e la Cacciata -

Continua nella sezione ANTOLOGIA DIGITALE